Di come, camminando, diventai coprofago

“Ora che sei consapevole, ti rendi conto di quanto la vita, l’universo e tutto il resto siano un pasto eterno, a base di merda. Ma a te resta una decisione sublime: puoi scegliere se farti imboccare da qualcuno, oppure decidere di prenderti quel cucchiaio e iniziare a mangiare per conto tuo”.

Questo fu uno degli ultimi e più importanti insegnamenti del vecchio, perciò decidesti di affrontare il tiranno del negozio dei dischi di petto, così da prenderti ciò che ti spettava di diritto: il cucchiaio di legno per la tua razione di merda quotidiana. Come tutti i tiranni che si rispettano, ti avevano reso schiavo del classico schema padre-figlio, master-slave. Ti do un minimo di considerazione, ti faccio sognare una carriera in questo buco di culo di negozio, in cambio tu sarai mio. Per un certo periodo, ti faceva comodo lasciarti imboccare, poi eri fuggito senza affrontare mai quel rapporto morboso che ti eri andato creando. Così il tuo peggiore amico, K, ti aveva donato una nuova occasione, facendoti incontrare il tiranno proprio lungo la via del ritorno a casa. Senza considerare che, l’apparizione del tiranno, era avvenuta ad un centinaio di metri dall’albero di Kappa (ma questa è un’altra storia).

Insomma, invece di cambiare strada, il guerriero ormai in cammino, che stavi diventando, lo portasti di fronte al suo più recente tiranno. Quel personaggio archetipico, un misto di Mangiafuoco e Omino di burro, aveva attinto alle tue energie migliori. Se da un lato, ti aveva umiliato e reso succube, dall’altro ti aveva dato l’occasione di prendere di petto una delle tue false personalità (il buon figliolo) e iniziare a distruggerla. L’incontro su viale della Serenissima, si risolse in tuo favore: non cadesti preda delle false moine di quel mostro, ma in maniera impeccabile imparasti cosa significava iniziare ad essere inaccessibile. Se lui aveva bisogno di te, saresti stato tu a decidere se, come e quando presentarti a dargli una mano. Fuggire, scomparire, rifiutare le chiamate (lo avevi capito), avevano lo stesso potere su di te, sempre schiavo saresti rimasto. Imparare a dire di no e parlare col mostro: ecco come lo avresti annientato.

Il cucchiaio per divorare la merda era ora nelle tue mani, e non vedevi l’ora di utilizzarlo per mangiare tutto quello che ti circondava. “Tanto la merda è tutta intorno a te, perché non prenderla di petto ed essere tu stesso a decidere di ingozzarti? Impara, è tutta merda d’artista così!” Fu così che iniziasti a decidere in maniera impeccabile tutte le sfide a cui prendere parte e a ridere di tutti gli altri tiranni che, piano piano, comparivano per morire di lì a poco. Il cammino proseguiva, e tu e il Filo iniziavate a flirtare come mai prima era successo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...