K

Premessa

Scrivere di K è qualcosa di profondamente emozionante. Qualcosa che posso fare solo dopo un’intera vita durante la quale mi sono confrontato con questa incredibile presenza, con quest’assassino psicopatico che, come servo dell’Eloah, è per noi Levatore, Aguzzino e, infine, Sicario.

Non nasconderò alcuna cosa. Al contrario, cercherò di descrivere il profilo di questo “mostro” nel modo più esteso, anche rischiando di spaventare a morte il lettore (o di annoiarlo, chissà).

Apriamo le danze, dunque, iniziando a descrivere l’Uomo Nero. Continua a leggere K

Eloah

[Avvertenza. L’articolo risale alla fine del 2015 e, da allora, talune cose sono cambiate. In realtà, basta una lettura degli articoli pubblicati su questo blog dopo quel periodo per rendersene conto. Tuttavia, ove necessario, nell’articolo ho aggiunto note che specificano meglio tali aggiornamenti].

Questo lavoro era nato in un modo davvero molto diverso. Era accaduto che, a un certo punto della mia vita, mi fossi persuaso d’essere sul punto di morire. Ciò mi aveva indotto a voler scrivere la cronaca di quel che pensavo dovesse essere l’ultimo evento che il guerriero avrebbe dovuto affrontare sul Filo del Rasoio, ossia la morte del corpo fisico. Continua a leggere Eloah

Intervista a K

***

Oggi presento un documento singolare. Si tratta di un’intervista fatta a K, il servo dell’Eloah, presso la sua dimora. L’intervista s’è svolta in condizioni di fluidità ottimali, tuttavia e poiché l’intervistato è maestro di ogni inganno, non posso garantirne il contenuto in termini di verità.

Mi sento, anzi, di raccomandare al lettore un alto livello di vigilanza critica rispetto a qualunque informazione presente nell’intervista.

 ***

Sei pronto?

Come sempre.

Molto bene. Raccontami di te, del tuo inizio. Da dove vieni, esattamente?

Dal Nulla. Come tutto, del resto. Ogni cosa proviene da lì e ogni cosa ci torna … almeno sino ad ora, perché ultimamente sono accaduti eventi che hanno messo in discussione tutto ciò. Continua a leggere Intervista a K

La Chiave di Volta

La Temperanza Arcani Maggiori

Premessa

È accaduto tutto in un attimo. Un intenso e drammatico attimo durante il quale ogni cosa è divenuta chiara e luminosa, come il sole che, in mezzo al dì, risplende nel cielo, sopra il mondo.

Sono trentacinque anni che cammino sul “Filo del Rasoio”. Trentacinque lunghissimi anni durante i quali mi sono mosso, perlopiù strisciando, in mezzo al buio e accendendo, ogni tanto, una lampadina. All’inizio e grazie al buio totale, era tutto piuttosto assurdo, ma ogni lampadina accesa aveva il potere di dare un senso nuovo al quadro d’insieme, rinnovando continuamente l’oscura forza che, sin dall’infanzia, ha dominato la mia esistenza.

Ecco, il presente lavoro è un aggiornamento del lavoro sull’Eloah (che, quindi, dovrebbe essere letto prima di questo) e, allo stesso tempo, è l’ultima lampadina da me accesa sul Filo, quella che completa l’intero puzzle. Un dono per chi lo desidera, forse un commiato per quel che mi riguarda, ancora non lo so. Continua a leggere La Chiave di Volta