Il Filo del Rasoio

Premessa

L’intento di questo lavoro è connotare in modo efficace (e, possibilmente, breve) l’insieme di conoscenze denominate Filo del Rasoio, cercando di fornirne una visione globale anche, eventualmente, confrontandolo con altre esperienze filosofiche. A tal proposito e di seguito, mi riferirò al Filo del Rasoio semplicemente come Filo evitando, per quanto possibile, i riferimenti alla mia storia personale e cercando di presentarlo per ciò che è in realtà: un corpus autonomo e a se stante, caratterizzato da tratti assolutamente singolari e nuovi rispetto a qualunque altra realtà coesistente (o preesistente). Mi sentirei, altresì, di chiedere al lettore una certa comprensione per le eventuali sfumature indulgenti che, credo inevitabilmente, troverà sparse nel testo. Del resto, il Filo, almeno nella sua attuale forma, è una mia creatura e, come si dice a Napoli: i figli so’ piezz e core. Continua a leggere Il Filo del Rasoio

Dreamless State

Le Stelle Arcani Maggiori

Il Dreamless State (DS) o stato privo di sogni è uno stato dell’essere nel quale non esiste alcun bisogno di fare una qualunque cosa. I più maliziosi potrebbero pensare al paradiso dei pigri e, in effetti, da pigro devo dire che ci si sta davvero bene. Tuttavia, il Dreamless State è sinonimo di Libertà Totale giacché è lo stato dell’essere che deriva da un Doppio Mnestico totalmente fluido.

Scopo di quest’articolo, è descrivere, per quanto possibile e, in ogni caso, molto brevemente cosa voglia dire in termini concreti portare se stessi in Dreamless State.

Chiunque abbia la costanza di distruggere, uno dopo l’altro, tutti i propri sogni, arriva necessariamente dentro una dimensione precettiva molto precisamente definita e, soprattutto, uguale per tutti. Sotto questo profilo, è bene ricordare che il Dreamless State non è un dono (non esiste niente che ci possa donare qualsiasi cosa e, anche se esistesse, quel dono non sarebbe mai davvero nostro e, prima o dopo, lo perderemmo), bensì una conquista. E che ciò che è stato conseguito in questo modo, non può essere perduto. Continua a leggere Dreamless State

Il Nagual Juan Matus e il Vedere

El viejo nagual

El viejo nagual estaba dormido bajo la ramada … sono certo che Juan Matus perdonerà l’impertinenza, ma quelli della mia età che hanno amato Castaneda, credo siano perfettamente consapevoli, poiché lo hanno condiviso, del trasporto profondo che ha informato tutti noi verso la figura del “vecchio nagual”. Vero o inventato che fosse, l’abbiamo molto amato.

Erano gli anni ’70 e noi tutti, ma proprio tutti, si era su un treno che viaggiava a velocità folle. Come seconda generazione della rivoluzione sessuale, in molti sono rimasti sul campo. Alcuni se li è presi l’eroina, altri la “lotta armata”, altri ancora l’impiego in banca, il negozio di cineserie o il bar dello sport.

Nichilisti d’accatto, qualcuno ci ha definiti così e, forse, ci ha pure preso. Tuttavia, di là dai fegati che ancora, silenziosamente rodono e all’occasione vomitano bile, qualcuno di noi è riuscito a mantenere la barra a dritta, senza perdere di vista, nemmeno per un secondo, il fine verbalizzato dalla legacy castanediana: la libertà totale.

Continua a leggere Il Nagual Juan Matus e il Vedere